Fondazione Don Giuliano Sala

Via Garibaldi, 20/A - 23891 Barzanò

Tel: 039 956 556 Fax: 039 921 29 85

Partita IVA n. 03280640131

segreteria@fondazionedongiulianosala.it

PRIVACY POLICY

  • comunicazioneopen

Visita al Duomo di Monza

L’Open University di Barzanò ha proposto ancora una volta un’accattivante modalità per coinvolgere i suoi iscritti in un viaggio storico-artistico nel Gotico Lombardo.

Martedì 9 gennaio, infatti, un gruppo di partecipanti ha colto l’opportunità di assistere ad una “lezione fuori aula”, recandosi a visitare il Duomo di Monza, la Cappella di Teodolinda e il Museo.



Giunta a destinazione la comitiva, a cui ha preso parte anche don Giuseppe Scattolin, si è soffermata ad osservare la facciata del Duomo descritta con competenza dalla professoressa Gaia Colombo, una delle relatrici del corso “Arte & Territorio” presso il Liceo Parini.


Una guida attendeva il gruppo all’ interno del Duomo; prima tappa è stata la sontuosa cappella di Teodolinda dove è custodita la Corona Ferrea, preziosissima reliquia con cui vennero incoronati gli imperatori europei da Carlo Magno a Napoleone, costruita utilizzando un chiodo della Croce di Cristo.

Davvero interessante è stata la descrizione degli splendidi 45 riquadri ad affresco che narrano le vicende della regina Teodolinda, della fondazione del Duomo e della storia del popolo longobardo. Il recente restauro, unito a un nuovo sistema di illuminazione della cappella degli Zavattari, ha favorito l’impatto emotivo suscitato dall’osservazione di questo luogo ricco di riflessi dorati.


La visita è proseguita nell’annesso Museo del Tesoro del Duomo, luogo in cui la professoressa Colombo, da vera esperta d’arte, ha catturato l’attenzione dei presenti, illustrando le Reliquie e le oreficerie di grande valore storico-artistico.

Tra i pezzi più noti la docente si è soffermata sulla Croce di Agilulfo in oro, gemme e perle, la Chioccia con sette pulcini, la tazza di zaffiro con fusto in oro.

In seguito sono stati ammirati i dittici, opere in avorio intagliato e la splendida Legatura

dell’Evangelario di Teodolinda in lamina d’oro, gemme e cammei.

Infine il gruppo è rientrato ancora una volta all’interno

del Duomo per ammirare l’affresco di Arcimboldo.

L’esperienza vissuta ha pienamente soddisfatto i partecipanti permettendo loro di ripercorrere un significativo periodo di storia, arte e architettura della regione Lombardia.

8 visualizzazioni